Posted by & filed under News importanti
reading time: 2 minutes

Giusto 3 parole su Google plus:

  • apparentemente è una delusione,
  • in realtà è una rivoluzione più radicale del previsto.
  • che ci metterà più tempo del previsto ad avere un impatto…

le apparenze:

  • appena ti arriva l’invito e ti iscrivi ti chiedono se vuoi ricevere pubblicità targettizzata, il checkbox è ON di default, quindi probabilmente una marea di gente lo lascerà com’è per paura di rompere qualcosa.
  • è molto simile a Facebook (a parte l’interfaccia coi cerchi che ricorda Achmet)

la rivoluzione:

  • basta fare la prima ricerca all’interno di plus (sezione sparks) per capire che i risultati hanno una qualità mai vista prima… e ogni risultato è ordinato con un algoritmo di posizionamento che bilancia importanza e recentezza (un po’ come vediamo da tempo su google news).
  • il tool di bugreport è straordinario: ti mette un layer draggabile col mouse per selezionare in place il punto della schermata in cui c’è il problema (e immagino sarà altrettanto spettacolare il backend)

Vi metto il video di Sparks perchè secondo me è il motivo per cui userò davvero GPlus.

PS… e dopo 5 anni dalla prima edizione di WordPress, anche Google parla di FOAF con le API del social Graph :)

PPS… Paul Adams ha svelato il mini gossip, lavorava a Google sullo sviluppo di Plus, prima di passare a Facebook (e ricordo che non è per niente sicuro che esistano gli influencers, anzi ipotizza l’esistenza dei micro gruppi connessi per lo stesso ruolo relativo all’influenza) delle moltitudini ne parlavo con Napo ad aprile dell’anno scorso, se me lo permette pubblico l’intera discussione.

Micidiale comunque la convergenza tra sociale e ricerca, non l’avrei mai previsto, in tempi così rapidi! La SERP già oggi presenta i vari rel=”author” con link ai google profiles (recentemente inglobati dentro Plus), il primo vero impatto dei microformati/RDF/XFN trasforma la SERP in un elenco di link e volti… e la faccia farà da credenziale per il clickthrough? Come quando entri al bar solo se la cameriera è carina?

Update: ovviamente c’è già chi specula sul fatto che il comportamento degli utenti (anche su google plus?) potrà essere usato come segnale per i prossimi algoritmi.

4 Responses to “google plus – impressioni da dentro”

  1. Adriano De Arcangelis

    Io la vedo come una scossa pazzesca a internet, mi piace un sacco questa nuova avventura! Altri fattori da aggiungere alla nostra professionalità, adesso però devo trovare un acronimo più aggiornato coi tempi… ormai definirci SEO è da vecchi! E’ come mia nonna che chiama i calzini “pedalini” :D

  2. simone

    io mi sento molto tranquillizzato, intanto perchè nel nuovo motore di ricerca nella barra di sinistra è chiaramente indicata la località usata per filtrare, e poi perchè spero che sia ormai chiaro che tutto ciò che vedremo da dentro Plus sarà personalizzato, spero quindi lasceranno fuori la personalizzazione automatica dalla ricerca vera e propria. Chi vorrà potrà continuare a cercare di ottimizzare per i motori di ricerca, e come ogni anno negli ultimi 10 anni, anche quest’anno il motore di ricerca stesso cambierà pelle :)

  3. Chiara

    Io non sono ancora riuscita ad iscrivermi, ma possibile che non abbiano ancora aperto le iscrizioni a tutti??

  4. simone

    ciao Chiara ;) al momento hanno lasciato l’iscrizione libera a tutti per solo un giorno. In ogni caso se conosci una persona già “dentro” puoi farti mandare un invito e di solito entro 24 ore più o meno tutti lo ricevono. Le probabilità pare aumentino se vieni taggata o segnalata in un post, sempre fatto da un utente già presente nel network. In ogni caso, non ti stai perdendo molto, il deserto estivo è molto presente anche su Google plus, ciao! grazie del commento e scusa il ritardo nella risposta.

Trackbacks/Pingbacks

  1.  Ritrovamento di informazioni sui motori di ricerca e sui network sociali a confronto | go@ SEO

Leave a Reply

  • (will not be published)