Di solito all’inizio di un nuovo contratto firmo la lettera di NDA (non disclosure agreement) che protegge le varie aziende nel caso improbabile in cui decidessi di rivelare i loro dati personali a qualche altra azienda.

In realtà, al di là dei noiosi contratti:

etica e trasparenza

  • mi impegno a non rivelare dati privati altrui a mia disposizione
  • mi impegno a non lavorare per aziende in settori in concorrenza coi miei clienti attuali
  • non lavoro per aziende o settori che non ritengo etici (ad esempio cartomanti, pornografia, gioco d’azzardo)
  • dico quando ottengo un ricavo da qualche mia iniziativa sul web e faccio presenti eventuali conflitti d’interessi (full disclosure)
  • rivelo tutti i dati di mia proprietà appena possibile (e se non dannosi per la privacy altrui)

ecologia

  • promuovo e aiuto a costruire prodotti a filiera corta
  • mi sposto coi mezzi pubblici e il meno possibile (preferisco le consulenze online)
  • non uso l’ascensore
  • bevo acqua del lavandino (sono ormai 5 anni e i miei reni stanno benissimo)
  • compro computer e tecnologia usata
  • riciclo bene
  • sostengo il car pooling
  • acquisto dai gruppi di acquisto locali (quando ho tempo)

simone righini